Recensione del libro "Giza. La caduta del dogma" (2021)

Premessa importante: questa recensione è libera e spontanea, non ricevo alcun compenso per scriverla quindi la mia opinione è priva di conflitti d'interesse.

Il libro è stato scritto da Antonio De'Flumeri, Gianluca Montuschi e Andrea Tavecchia. Gli autori sono delle persone normali che hanno svolto a mio avviso un enorme lavoro di ricerca dedicando il loro tempo, ritagliato tra famiglia e lavoro, nel realizzare una vera opera di divulgazione scientifica.

Sono presenti calcoli matematici precisi, elementi tecnici, immagini e testi originali. Sono riassunti dei concetti sostenuti dall'egittologia ufficiale e altri che vanno a favore di teorie alternative alla versione "dogmatica".

Ebbene, il titolo del libro è proprio azzeccato.

Personalmente, non sapevo molto di piramidi, e poco più di Egitto.

A scuola e nel corso della vita avevo appreso come le piramidi fossero delle tombe, perchè contenevano dei sarcofagi (contenitori di mummie, cioè i cadaveri dei faraoni). Sapevo che le piramidi erano state costruiti dagli Egizi, con lo scopo di venerare un certo faraone riempiendo la tomba di ricchi tesori. Ricordo vagamente il famoso Tutankhamon e il suo tesoro ritrovato.

Nel corso del tempo avevo sentito parlare di teorie alternative (ad esempio che le piramidi furono in realtà costruite dagli alieni) ma non mi ero più di tanto informato.

Ho conosciuto il libro tramite le interviste fatte agli autori da parte di ControTV di Massimo Mazzucco e di Byoblu

Grazie a questo ho scoperto una realtà completamente diversa da quella che conoscevo.

Il testo si astiene (giustamente) dal supportare o sostenere teorie alternative e si concentra invece sulla fattibilità logica e tecnica delle Piramidi di Giza, in particolare entra nel dettaglio della Grande Piramide di Cheope. Spiega quali sono le affermazioni dell'egittologia ufficiale e dei divulgatori scientifici (come Piero e Alberto Angela), le smonta pezzo per pezzo e presenta fortissimi dubbi sulla loro veridicità e affidabilità.

Sai quanti corpi sono stati ritrovati all'interno dei sarcofagi delle piramidi egizie? Zero.

Per dirla meglio, sono state trovate svariate mummie, anche recentemente a Saqqara, ma non nei sarcofagi di quegli enormi edifici che vengono definiti tombe e che sono chiamati piramidi. Sono stati trovati anche tesori di vario tipo nel corso del tempo.

I "divulgatori scientifici" ci informano che il tesoro di Cheope è stato trafugato in qualche momento storico e in qualche modo non ben precisato.

Il libro ci spiega bene quali informazioni sono state nascoste nel corso del tempo, che cosa ha fatto l'egittologia ufficiale per affossare certe scoperte, le enormi menzogne che vengono propinate come dei veri e propri dogmi, cioè verità indiscusse e indiscutibili.

Molto interessante è la parte riguardante i precisi calcoli fatti sulle tempistiche di realizzazione della piramide. La versione ufficiale vuole che la costruzione sia avvenuta in 20 anni. I tre ricercatori però ci presentano il conto di tutto questo, e come si dice ogni tanto, qualcosa non torna. Questi 20 anni risultano impossibili, anche considerando le teorie delle "rampe" usate per posizionare gli enormi massi ad altezze crescenti.

Sapevi che i costruttori delle piramidi, secondo la teoria egittologica, non conoscevano la ruota?

Se vuoi approfondire il tema e avere un'infarinatura generale sull'argomento, ti consiglio fortemente l'acquisto del libro. È facilmente comprensibile sia per i neofiti che per i più navigati.

Ringrazio gli autori per il loro lavoro e per avermi permesso di conoscere in modo così chiaro e semplice la verità che ci viene nascosta.

I libri di storia nelle scuole dovrebbero riportare tutte queste cose! Mi stupisce come invece si continui a propinare per vera la versione delle piramidi viste come camere funerarie! Non lo sono!

Come acquistare il libro

Il libro si può comprare in varie librerie, scopri più informazioni sul sito ufficiale di Giza - La caduta del dogma oppure acquistalo su Macro Librarsi.

Segui anche la pagina Facebook de Giza. La Caduta del Dogma.

Comments

*
*